MoveOn Italia

Dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere (Gandhi)

Progettiamo insieme il Sito di MoveOn Italia

Benvenuti sul Progetto di Sito di MoveOn Italia.

Aiutateci a definire questo sito, indicando cosa pensate sia utile che il sito pubblichi, a quali utenti rivolgersi, quali informazioni …

Potete dare il vostro contributo, partecipando alla discussione inserendo qui sotto un testo o inviando una mail a info.moveonitalia@gmail.com

Grazie anticipate per il contributo.

MoveOn Italia

Annunci

4 commenti su “Progettiamo insieme il Sito di MoveOn Italia

  1. Pietro
    2 maggio 2011

    Inserisco qui quanto precedentemente inviato via e-mail solo ad alcuni per condividerlo con tutti.

    Mi piacciono alcuni siti per alcuni aspetti specifici.

    il sito del PD http://beta.partitodemocratico.it/speciale/11dicembre/home.htm
    a parte il fatto che è abbastanza vasto come contenuti (il che non è necessariamente una buona cosa perché ci si può perdere) però è strutturato bene per temi e aree di interesse per gli utenti. Trovo interessante questo sito tematico linkato all’interno del sito del PD: http://www.mobilitanti.it/ perché in fondo alla pagina offre quella che secondo me è una buona idea per MoveOn. C’è questa suddivisione delle varie possibilità di partecipazione attiva in base al tempo che si ritiene di avere a disposizione. E’ una maniera carina ed efficace per comunicare il concetto che non è vero che non puoi fare niente (perché non hai tempo, che una delle motivazioni di comodo più inflazionate nella testa di tutti noi).

    quello di Greenpeace http://www.greenpeace.org/italy/it/#tab=1
    perché da al centro la possibilità di scegliere il tipo di contenuti che si vogliono visualizzare e in base alla scelta visualizza la lista di quei contenuti.
    Nella parte alta della pagina invece si evidenzia la principale campagna del momento.

    Mi piace una cosa nel sito di Libera: http://www.libera.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/1
    ed è il fatto che sulla destra ci sono gli appuntamenti. E’ un modo per rendere visibile l’attività dell’associazione e contemporaneamente offre la possibilità di partecipare a chi vuole e può.

    Il sito web di Libertà e Giustizia:
    http://www.libertaegiustizia.it/
    E’ buona l’idea di mettere nel menù principale della pagina tutte le voci che richiamano le attività (appelli, manifesti, iniziative, scuole, campagne in corso). Però è difficile per un nuovo utente immaginare che differenza c’è tra una iniziativa e una campagna in corso o tra un appello e un manifesto. Quindi questo suggerisce di fare attenzione nella scelta dei link e nell’aggregazione dei contenuti (ma questo fa parte di una regola generale di fruibilità dei siti web, quella che fa capo alla “disambiguazione” dei contenuti, brutta parola inesistente).

    Per la causa mi sono andato pure a vedere il sito del popolo della libertà. A volte si può imparare anche dall’avversario (in questo caso direi dal nemico). Una cosa che noto un po’ in tutti i siti che ho visto, tranne quelli dei partiti, per ovvii motivi, è l’assenza di volti (non importa che siano noti o fotogenici).
    Secondo me nel caso di un’associazione che vuole attrarre persone e vuole mobilitare i cittadini e farli partecipare può essere anche importante esporre in modo chiaro ed evidente un aspetto importante: l’associazione è fatta di persone. E un modo è quello di “metterci le facce” delle persone. Ovviamente i partiti lo fanno perché fa parte di una strategia di comunicazione tipica delle organizzazioni che, come i partiti, puntano forte sulla riconoscibilità delle leadership. Vabbè, il discorso qui sarebbe infinitamente lungo e non è il caso. Però un’associazione come MoveOn, per motivi diversi dovrebbe fare lo stesso, quasi lo stesso. Un partito infatti tende a circoscrivere l’esposizione mediatica dei propri “membri” (parlando con rispetto, s’intende:-) ai leader perché i leader stessi per mantenere la leadership non hanno interesse a far crescere altri colleghi di partito e perché, soprattutto nell’epoca della personalizzazione della politica, è bene che ci siano pochi volti e poche voci a rappresentare l’immagine del partito. Inoltre è bene che il partito non crei dissonanze facendo emergere troppe opinioni diverse eccetera eccetera. Però nel caso di MoveOn invece sarebbe positivo far emergere più persone, non so se sarebbe positivo far emergere quante più persone possibile (lo si potrebbe fare in una pagina dedicata ad una sorta di “chi siamo” non istituzionale), ma sarebbe positivo rendere “tangibile” il fatto che MoveOn è fatto da persone, da gente “comune” che si impegna per il bene

    comune. E in questo senso i volti potrebbero essere utili. Senza manie di protagonismo o voglia di farsi vedere. Quindi sarebbe bene avere una sorta di bacheca dei volti.

    Aggiungo un’idea: inseriamo nel sito una “campagna di vaccinazione”. La baserei soprattutto su contenuti positivi: riscopriamo i nostri valori insieme. Proporrei di riprendere brani di storia e cercare di riportare le opinioni espresse e i testi scritti da quelle persone che possiamo veramente prendere a riferimento. E su questi aprire dei thread, delle conversazioni, senza escludere che possano sfociare in incontri reali nei quali confrontarsi su questi temi. Credo che per superare il berlusconismo ci sia bisogno anche di questo lavoro di recupero di valori e ideali perché questo periodo storico ha visto e sta vedendo la decostruzione di quanto avevamo di più sacro, e già non era molto.
    A presto
    Pietro

  2. Pietro
    2 maggio 2011

    Altro commento: credo che sia il logo di MoveOn ma personalmente modificherei la testata della pagina perché i colori sono troppo smorti. Se volete posso proporre qualcosa anch’io.

    Sui contenuti: personalmente, soprattutto in questa fase, proverei a pensare a contenuti che possano coinvolgere direttamente le persone che si interessano ai temi e agli obiettivi di MoveOn.

    Pietro

  3. Pietro
    7 maggio 2011

    Scusate, re-inserisco il mio precedente post perché pensavo di averlo inserito ma invece si vede che la procedura si è “inceppata” e non c’è. Mi fa piacere condividere con voi quando scrivevo a Marco una settimana fa.

    il sito del PD http://beta.partitodemocratico.it/speciale/11dicembre/home.htm
    a parte il fatto che è abbastanza vasto come contenuti (il che non è necessariamente una buona cosa perché ci si può perdere) però è strutturato bene per temi e aree di interesse per gli utenti. Trovo interessante questo sito tematico linkato all’interno del sito del PD: http://www.mobilitanti.it/ perché in fondo alla pagina offre quella che secondo me è una buona idea per MoveOn. C’è questa suddivisione delle varie possibilità di partecipazione attiva in base al tempo che si ritiene di avere a disposizione. E’ una maniera carina ed efficace per comunicare il concetto che non è vero che non puoi fare niente (perché non hai tempo, che una delle motivazioni di comodo più inflazionate nella testa di tutti noi).

    quello di Greenpeace http://www.greenpeace.org/italy/it/#tab=1
    perché da al centro la possibilità di scegliere il tipo di contenuti che si vogliono visualizzare e in base alla scelta visualizza la lista di quei contenuti.
    Nella parte alta della pagina invece si evidenzia la principale campagna del momento.

    Mi piace una cosa nel sito di Libera: http://www.libera.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/1

    ed è il fatto che sulla destra ci sono gli appuntamenti. E’ un modo per rendere visibile l’attività dell’associazione e contemporaneamente offre la possibilità di partecipare a chi vuole e può.

    Il sito web di Libertà e Giustizia:
    http://www.libertaegiustizia.it/
    E’ buona l’idea di mettere nel menù principale della pagina tutte le voci che richiamano le attività (appelli, manifesti, iniziative, scuole, campagne in corso). Però è difficile per un nuovo utente immaginare che differenza c’è tra una iniziativa e una campagna in corso o tra un appello e un manifesto. Quindi questo suggerisce di fare attenzione nella scelta dei link e nell’aggregazione dei contenuti (ma questo fa parte di una regola generale di fruibilità dei siti web, quella che fa capo alla “disambiguazione” dei contenuti, brutta parola inesistente).

    Per la causa mi sono andato pure a vedere il sito del popolo della libertà. A volte si può imparare anche dall’avversario (in questo caso direi dal nemico). Una cosa che noto un po’ in tutti i siti che ho visto, tranne quelli dei partiti, per ovvii motivi, è l’assenza di volti (non importa che siano noti o fotogenici).
    Secondo me nel caso di un’associazione che vuole attrarre persone e vuole mobilitare i cittadini e farli partecipare può essere anche importante esporre in modo chiaro ed evidente un aspetto importante: l’associazione è fatta di persone. E un modo è quello di “metterci le facce” delle persone. Ovviamente i partiti lo fanno perché fa parte di una strategia di comunicazione tipica delle organizzazioni che, come i partiti, puntano forte sulla riconoscibilità delle leadership. Vabbè, il discorso qui sarebbe infinitamente lungo e non è il caso. Però un’associazione come MoveOn, per motivi diversi dovrebbe fare lo stesso, quasi lo stesso. Un partito infatti tende a circoscrivere l’esposizione mediatica dei propri “membri” (parlando con rispetto, s’intende:-) ai leader perché i leader stessi per mantenere la leadership non hanno interesse a far crescere altri colleghi di partito e perché, soprattutto nell’epoca della personalizzazione della politica, è bene che ci siano pochi volti e poche voci a rappresentare l’immagine del partito. Inoltre è bene che il partito non crei dissonanze facendo emergere troppe opinioni diverse eccetera eccetera. Però nel caso di MoveOn invece sarebbe positivo far emergere più persone, non so se sarebbe positivo far emergere quante più persone possibile (lo si potrebbe fare in una pagina dedicata ad una sorta di “chi siamo” non istituzionale), ma sarebbe positivo rendere “tangibile” il fatto che MoveOn è fatto da persone, da gente “comune” che si impegna per il bene

    comune. E in questo senso i volti potrebbero essere utili. Senza manie di protagonismo o voglia di farsi vedere. Quindi sarebbe bene avere una sorta di bacheca dei volti.

  4. nicolaccio
    5 luglio 2011

    Vai Pietro, proproni!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 18 aprile 2011 da in Info MoveOn con tag , , .

Navigazione

La Rai ai cittadini

Cinescopio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 39 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: