MoveOn Italia

Dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere (Gandhi)

Rai: un Servizio che si chiama Pubblico

“La Rai ai cittadini”

Rai: un Servizio che si chiama Pubblico

Martedì 28 ottobre 2014 ore 9.30-13.30

Federazione Nazionale Stampa Italiana

Sala Walter Tobagi

Corso Vittorio Emanuele II, 349 Roma

Una assemblea generale di utenti, associazioni, lavoratori, giornalisti, parlamentari, organizzazioni sociali per rilanciare la missione di servizio pubblico della Rai e promuovere una riforma che restituisca la Rai alla sua funzione culturale e alla sua identità di bene comune, risorsa e opportunità per tutti i cittadini.

Dare voce alle voci della società, informare non condizionati da interessi di parte, illuminare anche i margini e le periferie intorno a noi e nel mondo, proporre occasioni educative, di svago e intrattenimento libere da logiche commerciali, approfondire i temi dell’attualità. Questo e molto altro è servizio pubblico, che vive all’interno del mercato radiotelevisivo, ma non accetta di annullarsi in esso consegnandosi alla dittatura dell’auditel e del mero profitto proprio delle imprese private.

Vogliamo rilanciare la missione specifica del servizio pubblico di liberare energie e dare opportunità anche a chi non ha le risorse, ma possiede il merito e sa esprimere idee e creatività. Il servizio pubblico come promotore di nuovi talenti, stimolatore di innovazione, riferimento di equilibrio e serietà, incubatore e diffusore di cultura.

Un servizio chiamato pubblico perché al servizio dei cittadini, da essi riconosciuto e sostenuto attraverso un canone equamente ripartito; da essi partecipato e sorvegliato con nuovi organismi di controllo e indirizzo. Servizio pubblico come espressione di libertà, indipendenza e pluralismo e per questo svincolato dalla lottizzazione dei partiti e dal controllo del governo.

La Rai Servizio Pubblico: un bene comune da riconfermare e rilanciare con una battaglia culturale e una riforma che lo metta in grado di accettare le sfide tecnologiche e sociali del nostro tempo.

PARTECIPANO

ARTICOLO 21 Vincenzo Vita

ASSOPROVIDER Giovanbattista Frontera

CRITICALIA Alberto Perotti

INDIGNERAI Lucia De Angelis – Riccardo Laganà

INFOCIVICA Massimo De Angelis

LIBERAINFORMAZIONE Santo Della Volpe

NETLEFT Sergio Bellucci

SLC-CGIL Silvano Conti

USIGRAI Daniela De Robert

 

ADICONSUM Renato Calì

ADUSBEF Elio Lannutti

ALTROCONSUMO Silvia Castronovi

CITTADINANZATTIVA Isabella Mori

FEDERCONSUMATORI Rosario Trefiletti

 

ANPI – ROMA Ernesto Nassi

CENTRO ASTALLI – SERVIZIO DEI GESUITI PER I RIFUGIATI

C3DEM – ROSA BIANCA Vittorio Sammarco

LEGAMBIENTE Maria Marano

LIBERA Giuseppe De Marzo

LIBERTA’ E GIUSTIZIA

FCEI – CULTO EVANGELICO/PROTESTANTESIMO Luca Baratto – Marco Davite

SORGENTE DI VITA Emanuele Ascarelli

TAVOLA DELLA PACE Flavio Lotti

UNIONE ISLAMICA IN OCCIDENTE Gianluigi Khaled Biagioni Gazzoli

 

ASS. ITALIANA PERSONE DOWN – SEZ. ROMA Giampaolo Celani

ENTE NAZIONALE SORDI Costanzo Del Vecchio

FAND – ANGLAT Maria Stella Calà Maglio

FISH ONLUS – ADV Giulia Mesirca

 

CONFARTIGIANATO IMPRESE ROMA

I MUSICISTI DELL’ORCHESTRA DEL TEATRO DELL’OPERA

UNIONE ARTISTI – UNAMS Avv. Giuseppe Leotta

 

Giovanni Anversa, Daniela Brancati, Nicola Cirillo, Riccardo Cristiano, Nicola D’Angelo, Claudio Lombardi, Roberto Mastroianni, Loris Mazzetti, Marco Mele, Fabrizio Noli, Vittoria Pagliuca, Adriana Pannitteri, Ernesto Ruffini, Valentino Russo, Ilaria Sotis, Giovanni Valentini, Arianna Voto, Giorgio Zanchini

Annunci

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26 ottobre 2014 da in Uncategorized con tag , , .

La Rai ai cittadini

Cinescopio

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 39 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: